Mining: cosa significa Minare?

Mining, in italiano Minare, cosa vuol dire?

Come si crea un Bitcoin?

A differenza del denaro cartaceo, che viene deciso dal governo quando stamparlo e come distribuirlo. Il bitcoin non ha un governo centrale.
Con bitcoin o qualsiasi altra criptovaluta, i minatori utilizzano un software speciale per risolvere algoritmi e in cambio della risoluzione di questi calcoli matematici vengono emessi un certo numero di bitcoin.

Questo fornisce un modo intelligente per emettere la criptovaluta e crea anche un incentivo per più persone.
La rete bitcoin e quella delle altre criptovalute, ha la capacità di memorizzare le transazioni all’interno della blockchain .

Il mining, quindi, è il modo utilizzato dalle criptovalute per emettere moneta.
La rete bitcoin memorizza le transazioni all’interno di strutture di dati chiamate in gergo “blocchi“. Per far si che un blocco possa essere aggiunto alla catena dei blocchi, o meglio al gigantesco database pubblico contenete tutte le transazioni in bitcoin; é necessario che un elaboratore lo “chiuda” trovando un particolare codice, che può essere unicamente azzeccato a furia di tentativi. Questa operazione sigilla il blocco, impedendo qualsiasi modifica futura, e chi trova tale codice è ricompensato con una certa quantità di bitcoin.

 

Come si minano le Criptovalute?

Minare Bitcoin non è affatto un’attività a costo zero.
Il Processo per generare nuovi Bitcoin, che si chiama “bitcoin mining“, è un’attività piuttosto impegnativa.

 

 


  • Fase 1: Comprendere la quantità di impegno richiesto, la creazione di Bitcoin richiede una bella esperienza nel mondo tecnologico, specialmente quando si tratta di hardware e crittografia.
    Quindi non solo investimenti iniziali, ma anche la conoscenza della lingua inglese ed un background tecnico informatico di alto livello viene richiesto per creare Bitcoin; un’attività che può avere successo solo se preparata nei minimi dettagli.


  • Fase 2: Scegliere l’Hardware, Su Amazon è possibile cercare e comprare computer dedicati al mining, mentre chi ha più competenze tecniche può anche farselo da solo.
    Anche se nulla vieta di minare con il computer di casa, anche se non ne vale la pena; poichè i costi saranno maggiori dei ricavi.
    Risparmiare nell’apparecchiatura hardware è una strategia perdente. Prima di procedere all’acquisto di un hardware per minare bitcoin ci sono molte risorse da consultare; una di queste è controllare il sito 99bitcoins c’è un calcolatore che può dirci quanti soldi un miner può fare.


  • Fase 3: Scegliere un Wallet, Il Wallet è un programma che sostituisce il nostro portafoglio.
    Ci sono molte alternative, sia online che offline. I migliori sono consigliati sul sito Bitcoin.org.


  • Fase 4: Scaricare il software di Mining, Mentre il Wallet è necessario per gestire le transazioni ed il portafoglio delle criptovalute, il software di mining è quello che serve per minare e generare moneta.
    Come programma per minare possiamo scaricare GUIMinerEasyminer, CGMiner per Windows oppure MacMiner per Mac.


  • Fase 5: Partecipare ad un Pool Mining, A questo punto, teoricamente, siamo pronti a creare Bitcoin, ma con un solo computer questo processo è praticamente impossibile o troppo laborioso e lento.
    Per questo motivo sono nati i pool di mining, ossia gruppi organizzati di persone che condividono le risorse hardware ed anche le ricompense.
    Per evitare truffe è importante trovare pool affidabili. Alcuni nomi di pool frequentati e affidabili Slushpool, MinerGate e HashFlare.